Art&Network | Daniele Sepe – Direction Zappa
1941
post-template-default,single,single-post,postid-1941,single-format-standard,qode-social-login-1.0,qode-restaurant-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-4.1,wpb-js-composer js-comp-ver-6.4.2,vc_responsive

Daniele Sepe – Direction Zappa

Il disco uscirà a breve con una raccolta fondi dal basso.
Il cantautore: “Per me Frank Zappa è un modo per capire meglio il mondo, anche quello di oggi”

 

“Ci vorrebbe un esercito di Frank Zappa oggi, non solo nella musica, per combattere il conformismo imperante”. Daniele Sepe da anni professa una fede zappiana. Sin da ragazzino quando ha scoperto grazie al genio di Baltimora che fare musica irriverente e senza barriere era possibile. Al grande musicista, figlio di emigranti di origine siciliana, scomparso a Los Angeles nel 1993, il sassofonista partenopeo dedica l’album “Direction Zappa” nato dalla registrazione realizzata nel 2016 durante un concerto al festival “Ai confini di Sardegna e Jazz”.

La formazione è internazionale. L’aspetto vocale è affidato a colui che Madonna ha definito “la voce di Dio”: Dean Bowman, tra i vocalist più talentuosi della scena afroamericana, già collaboratore di David Gilmour e Uri Cane. Alla batteria Hamid Drake dalla Louisiana, che nella sua carriera ha affiancato musicisti come Don Cherry e Herbie Hancock e con Daniele Sepe ha lavorato più volte fino alla primavera scorsa per il disco-omaggio a Gato Barbieri “The Cat with The Hat”, insieme con Davide Costagliola che anche qui ritroviamo al basso. Alla tastiere Tommy De Paola, sodale di Daniele Sepe da sempre, e alla chitarra Joe Cristiano. Fonte: La Repubblica, 05 febbraio 2021

Read more →